APFELBAUM PETER :  IT IS WRITTEN  (ACT)

It is Written Ŕ la prima uscita discografica del polistrumentista Peter Apfelbaum con il gruppo The New York Hieroglyphics. ╚ interessante il mix che egli opera fra jazz e world music dando vita a un groove fatto su misura dalle sonoritÓ originalissime dominate dai fiati. Apfelbaum suona sax tenore, clarinetto, flauto e harmonium. Fra i solisti principali della band spicca il trombonista Josh Roseman che nel brano dal titolo Apparition si lancia in frasi dal sapore blues sostenuto da una ritmica che si muove su riff costruiti sull'insegnamento del grande Jimi Hendrix; ritroviamo anche la tradizione jazzistica dei call and response che sempre in Apparition Ŕ particolarmente evidente. Polifonie di fiati che si innestano su brani dal forte sapore poliritmico e composizioni basate sul ruolo della chitarra acustica di Jai Uttal, come Song of the Signs, rendono questo album un caleidoscopio musicale, stravagante e accattivante, che certamente si impone come una delle novitÓ discografiche pi¨ interessanti nel crossover jazz-world music di quest'anno.
APFELBAUM PETER
IT IS WRITTEN
ACT - CD: ACT 94372
"It is Written" Ŕ la prima uscita discografica del polistrumentista Peter Apfelbaum con il gruppo The New York Hieroglyphics. ╚ interessante il mix che egli opera fra jazz e world music dando vita a un groove fatto su misura dalle sonoritÓ originalissime dominate dai fiati. Apfelbaum suona sax tenore, clarinetto, flauto e harmonium. Fra i solisti principali della band spicca il trombonista Josh Roseman che nel brano dal titolo "Apparition" si lancia in frasi dal sapore blues sostenuto da una ritmica che si muove su riff costruiti sull'insegnamento del grande Jimi Hendrix; ritroviamo anche la tradizione jazzistica dei call and response che sempre in "Apparition" Ŕ particolarmente evidente. Polifonie di fiati che si innestano su brani dal forte sapore poliritmico e composizioni basate sul ruolo della chitarra acustica di Jai Uttal, come "Song of the Signs", rendono questo album un caleidoscopio musicale, stravagante e accattivante, che certamente si impone come una delle novitÓ discografiche pi¨ interessanti nel crossover jazz-world music di quest'anno.
anche disponibiliemissione del 15 Settembre 2005