TAYLOR OTIS :  PENTATONIC WARS AND LOVE SONGS  (TELARC)

Otis Taylor  mette sotto esame il lati oscuri dell'amore. Nessuno ha mai potuto accusare il grande cantante di blues, compositore e polistrumentista Otis Taylor di aver abusato degli aspetti più felici e brillanti della condizione umana. Le sue canzoni parlano invece molto spesso di personaggi controversi le cui storie di vita sono crude e oscure. Esse giacciono sotterranee e vengono a galla nella musica di Otis Taylor. Nel nuovo album intitolato Pentatonic Wars and Love Songs Otis Taylor getta uno sguardo sulle complessità dell'amore in tutte le sue forme: se l'amore, in qualcuna o in tutte le sue varianti, si trova da qualche parte fra quel turbine emotivo e confuso, egli andrà anche a scovarlo. Il risultato, nelle mani di uno come Otis Taylor, non potrà mai essere un album di ballate sciroppate e semplicistiche piene di romanticismo: le sue canzoni di amore rivolgono uno sguardo duro e realistico ai costi e ai benefici relativi di quello che forse è il più confuso aspetto del cuore umano. Oltre alla voce di Taylor, ormai marchio di fabbrica, e al suono semplice ma esaltante della chitarra, abbinamento perfetto per un genere più volte soprannominato 'trance blues', l'album presenta alcuni ospiti come la pietra miliare del blues irlandese, il chitarrista Gary Moore (già ospite del disco di Taylor Definition of a Circle del 2007) e il pianista jazz e hip-hop Jason Moran. All'interno di queste canzoni d'amore vi sono dei racconti di tragedia e di lutto, di malintesi e di delusioni, anche se spesso contengono uno spiraglio di speranza. E' semplicemente la mia natura dice Taylor, posso scrivere canzoni d'amore ma non devono essere necessariamente di carattere felice o piacevole. Titoli come Teen Angel o Ode To Billy Joe sono canzoni d'amore ma non sono assolutamente canzoni felici. E perché le mie canzoni non dovrebbero considerarsi d'amore?
TAYLOR OTIS
PENTATONIC WARS AND LOVE SONGS
TELARC - CD: TELCD 83690
Otis Taylor mette sotto esame il lati oscuri dell'amore. Nessuno ha mai potuto accusare il grande cantante di blues, compositore e polistrumentista Otis Taylor di aver abusato degli aspetti più felici e brillanti della condizione umana. Le sue canzoni parlano invece molto spesso di personaggi controversi le cui storie di vita sono crude e oscure. Esse giacciono sotterranee e vengono a galla nella musica di Otis Taylor. Nel nuovo album intitolato "Pentatonic Wars and Love Songs" Otis Taylor getta uno sguardo sulle complessità dell'amore in tutte le sue forme: se l'amore, in qualcuna o in tutte le sue varianti, si trova da qualche parte fra quel turbine emotivo e confuso, egli andrà anche a scovarlo. Il risultato, nelle mani di uno come Otis Taylor, non potrà mai essere un album di ballate sciroppate e semplicistiche piene di romanticismo: le sue canzoni di amore rivolgono uno sguardo duro e realistico ai costi e ai benefici relativi di quello che forse è il più confuso aspetto del cuore umano. Oltre alla voce di Taylor, ormai marchio di fabbrica, e al suono semplice ma esaltante della chitarra, abbinamento perfetto per un genere più volte soprannominato 'trance blues', l'album presenta alcuni ospiti come la pietra miliare del blues irlandese, il chitarrista Gary Moore (già ospite del disco di Taylor "Definition of a Circle" del 2007) e il pianista jazz e hip-hop Jason Moran. All'interno di queste canzoni d'amore vi sono dei racconti di tragedia e di lutto, di malintesi e di delusioni, anche se spesso contengono uno spiraglio di speranza. "E' semplicemente la mia natura" dice Taylor, "posso scrivere canzoni d'amore ma non devono essere necessariamente di carattere felice o piacevole. Titoli come "Teen Angel" o "Ode To Billy Joe" sono canzoni d'amore ma non sono assolutamente canzoni felici. E perché le mie canzoni non dovrebbero considerarsi d'amore"?
anche disponibiliemissione del 13 Luglio 2009